La volatilità quale strumento di misurazione del rischio (aggiornato al 15 marzo 2020)

Tutte le recenti variazioni normative hanno dedicato la loro attenzione alla capacità del risparmiatore di sostenere le perdite possibili e alla sua tolleranza al rischio. Un possibile parametro facilmente acquisibile in riferimento ad uno strumento finanziario è la volatilità.

Utilizzeremo varie fonti per comprenderne il significato. Alla fine proveremo a semplificare.

Partiamo da Wikipedia

Clicca sull’immagine per accedere alla fonte

In finanza, la volatilità è una misura della variazione percentuale del prezzo di uno strumento finanziario nel corso del tempo. La volatilità storica deriva dalla effettiva serie storica dei prezzi misurabile nel passato. La volatilità implicita deriva dal prezzo di mercato delle opzioni dello strumento finanziario analizzato, per scadenze future attualmente scambiate. Il simbolo σ viene utilizzato per la volatilità, e corrisponde alla deviazione standard.

 

Passiamo a Morningstar

Clicca sull’immagine per accedere alla fonte

La volatilità è la variazione che si registra nel prezzo di un titolo, solitamente misurato dalla deviazione standard.

 

Passiamo a Quantalys, alla voce rischio / volatilità

Clicca sull’immagine per accedere alla fonte

Il rischio è misurato dalla deviazione standard dei rendimenti settimanali del fondo su diversi orizzonti temporali: 1 anno, 3 anni, 5 anni, o su un orizzonte definito dall’utente. È talvolta indicato come volatilità. Maggiore è la volatilità del fondo, maggiore è la gamma di performance possibili, siano esse positive o negative. A parità di condizioni, minore è il rischio minori sono stati gli scostamenti dal rendimento medio che l’investitore ha dovuto affrontare. Un fondo che presenta una elevata volatilità può aver ottenuto ottime performance in passato in quanto gli scostamenti dal rendimento medio espressi dalla deviazione standard possono essere stati positivi.

 

Cercando di essere semplici e limitandoci alla sola volatilità di uno strumento finanziario quale parametro di rischio possiamo dire che più la volatilità di uno strumento tenderà a zero, meno sarà rischioso.

 

Facciamo l’esempio di un risparmiatore che vuole accantonare una somma destinata certamente ad un acquisto. Prendiamo ad esempio uno strumento con volatilità a 3 anni di 2,60.

Vorrà dire che nell’arco dei 3 anni lo strumento nel passato avrà avuto un range positivo e negativo di 2,60. Il risparmiatore a quel punto saprà, sempre facendo riferimento al passato, se quel tipo di incertezza, di rischio si possa adattare alle sue esigenze, in base ovviamente anche al rendimento atteso dell’investimento stesso.

Di base una volatilità, bassa, come nell’esempio, consentirà al risparmiatore di valutare con calma anche un investimento sbagliato sempre che il comportamento del suo prezzo ricada nell’alea statistica del passato. I possibili mutamenti percentuali contenuti consentiranno infatti anche a fronte di un investimento errato di minimizzare le perdite.

 

Chiudiamo con la rappresentazione che viene data da parte di Fida Workstation dei livelli in base ai quali possiamo definire un servizio finanziario più o meno rischioso, a seconda che la sua natura sia obbligazionaria o azionaria:

Clicca sull’immagine per accedere alla fonte

La difficoltà per ognuno di noi potrebbe proprio risiedere nel non avere uno standard, un punto di riferimento, un valore terzo che ci possa consentire autonomamente di valutare la rischiosità di quanto stiamo per sottoscrivere.

 

Chiaramente il valore in oggetto avrà una sua significatività in riferimento al singolo titolo o al singolo prodotto finanziario ma assurgerà a parametro assoluto se riferito ad un portafoglio nel suo complesso.

Questo è un valore che è molto più difficile da recuperare e l’unica opportunità che abbiamo è dare vita ad un back test significativo dello stesso portafoglio, stabilendo dei momenti temporali in cui riportare il portafoglio al suo assetto originario, dando vita a dei ribilanciamenti trimestrali o semestrali.

 

La fase che oggi stiamo vivendo, difficile, emotiva e che ha portato ad esasperare la volatilità dei mercati finanziari, pur avendo nel breve solo conseguenze negative per l’investitore e il suo patrimonio, gli consentirà nello stesso tempo di esprimere una validità statistica molto più importante quando si troverà a organizzare i prossimi investimenti.

 

Nel breve questo può rappresentare una soddisfazione molto piccola ma, nel lungo periodo, che poi è l’arco temporale più idoneo quando si parla di investimenti, si rivelerà una risorsa molto, molto preziosa.

 

Dopo 12 di mercati al rialzo, drogati dalla liquidità immessa dalle banche centrali, che ha creato un ambiente poco volatile e quindi poco rischioso per l’investitore possiamo tornare ad attribuire alla volatilità di uno strumento finanziario il peso che merita all’interno del nostro consapevole processo decisionale.

Chiudi il menu